Published On: 29 Novembre 2021Categorie: Franchising
Perché aprire un franchising

Aprire in franchising è un’opportunità enorme per un’impresa:

  • Consente di scalare il business;
  • Consente di crescere come imprenditori;
  • Permette di guadagnare di più.

Ovviamente, questi sono tutti bellissimi vantaggi che allettano i più. Come tutti gli imprenditori che ci contattano per creare un piano marketing per franchising, dopo aver deciso di volersi ampliare

Se stai scegliendo di estendere i tuoi punti vendita o vuoi crescere nella tua attività, però, il franchising non è l’unica strada possibile e, dobbiamo dirtelo subito, è una strada complessa e in salita

È altrettanto, però, vero che è una strada piena di opportunità e di soddisfazioni se il franchising viene costruito bene, con le giuste fasi e la corretta strategia di marketing.

 

I vantaggi di aprire in Franchising

Ci sono due principali vantaggi dell’aprire in franchising:

  • Da un lato è un’enorme opportunità di investimento;
  • Dall’altro vi consente di gestire un’attività senza gli oneri di farlo.

Entrambi questi vantaggi, secondo Mendelsohn (pioniere delle teorie e degli studi sul franchising) dipendono dal fatto che il macro vantaggio del franchising è la creazione di  un business attraverso la forza dei franchisee. Il capitale che si investe in un franchising, infatti, dipende dai capitali investiti dai franchisee

Di fatto, è come se la casa madre aprisse tante sedi senza dover investire un euro – anzi! – facendosi addirittura pagare. Non male, vero? 

Cosa costerebbe a un’impresa avere l’onere di aprire più punti vendita, generare i contratti di affitto dei locali, gestirli in maniera delocalizzata e controllare l’efficacia del personale e delle attività di vendita? Un bel esborso. Non è da tutti, ne converrai con noi. 

La forza economica del franchising sta anche qui: la rete rappresenta una forza differenziata che dalla somma di più investitori genera un valore più grande

Attenzione! Non credere che il franchising sia a costo zero, per cortesia. Anche il franchisor investe e si espone, ma non sui punti vendita, o almeno in minor parte. Sicuramente, o almeno lo si vede nei mercati esteri, questa esposizione minima rende più appetibile il business anche per gli investitori (e per le banche). 

Per capire la differenza di approccio delle banche per franchising tra Italia ed Estero abbiamo trattato l’argomento in un nostro precedente articolo.

Il secondo vantaggio di aprire in Franchising – che condividiamo con la visione di Mendelsohn – riguarda la gestione dei punti vendita fisici

Avere un imprenditore che investe sull’attività locale significa che coordinerà anche i negozi, lo staff, i flussi e talvolta anche le attività di networking e pubblicitarie. È come avere tanti manager divisi nel territorio che possono agire per conto del franchisor, allineati alla sua visione e regole, con un notevole vantaggio per la rete intera, naturalmente se i contratti di affiliazione e i manuali operativi sono stati ben strutturati. 

Ora facciamo una domanda a chi ha pensato al Franchising, dopo aver gestito – magari – un’attività locale e lo staff: quanto ti piacerebbe avere un tuo clone che coordina tutto ciò, secondo le tue regole, in diverse città d’Italia? 

Lo sappiamo, il solo pensiero fa emergere un sorriso di soddisfazione. O forse, se sei un imprenditore ammanettato dal controllo e con qualche difficoltà di delega, questo pensiero ti potrebbe creare uno stato di disagio. 

Ebbene, rifletti: se ti trovi all’interno della prima tipologia, dovrai lavorare molto sulla capacità di gestire un buon controllo, perché la delega, lo abbiamo visto negli anni con diversi franchising, può prendere la mano. Costruire una struttura solida e manuali chiari sarà la soluzione, oltre all’integrazione di chiari sistemi di controllo

Se ti trovi nella seconda condizione, non è detto che il franchising non faccia per te, ma dovrai tenere conto di esercitare la delega e gestire l’approccio perfezionistico, altrimenti vivrai tante notti insonni.

 

I vantaggi del franchising online, l’onlife

L’era digitale ha aggiunto un altro vantaggio dell’aprire in franchising: oggi i franchising non sono più solo offline, ma possono essere onlife – o omnichannel/phygital – come ci piace dire nel marketing. 

Cosa significa tutto ciò? Vediamo quali sono i nuovi vantaggi di aprire un franchising:

  • Online estendi il tuo pubblico;
  • Puoi vendere anche in territori in cui avrebbe poco senso aprire un punto vendita (come centri piccoli o poco raggiungibili);
  • Vendendo di continuo e ovunque, dai forza ai tuoi affiliati;
  • Puoi strutturare un piano di fidelizzazione attraverso la registrazione dei clienti, per dare un flusso continuo di vantaggi ai tuoi affiliati;
  • Il brand ne risente positivamente, online per chi non raggiunge i punti fisici, onlife per gli altri;
  • Puoi attuare una vera strategia omnichannel, anche nell’analisi dei dati;
  • Puoi avere in casa delle ottime analisi di mercato predittive rispetto alla potenziale penetrazione territoriale del tuo business.

 

Numeri e persone di un franchising

I vantaggi sono davvero tanti, come vedi. Ci sentiamo però di consigliarti di fare attenzione: tutto questo prevede, infatti, due approcci preventivi molto chiari, che ti salveranno la vita nel tuo progetto di franchising onlife. 

  1. Devi ragionare sui numeri, da subito. Nulla si lascia al caso, anche nel franchising offline, ma a maggior ragione online. Dotati di strutture data driven, di strumenti di business intelligence, di chi sappia leggere i dati e interpretarli;
  2. Devi ragionare sulle persone. Se vedi il franchising in versione phygital come un vantaggio del solo franchisor, stai sbagliando approccio: apri un tuo ecommerce e cerca di non vessare i tuoi affiliati. 

Noi, in Franchising Strategy, lo sappiamo bene e lo abbiamo già visto: definire un approccio all’ecommerce, in un franchising, senza tener conto dell’eventuale distrazione dei clienti dalla casa madre è molto poco lungimirante e si ritorce quasi sempre contro al franchisor, garantito.

 

Aprire un franchising. Perché no?

Aprire un franchising ha tantissimi vantaggi. Se hai un business avviato potresti sentire la voglia, osservando gli altri franchising, di ampliare, crescere, scalare. Quando un’attività commerciale raggiunge un buon livello di successo, capita che commercialisti o consulenti lungimiranti propongano la valutazione della formula in franchising

Attenzione, però, che non tutto quello che si vede da fuori luccica. O meglio, abbiamo visto diverse volte nelle nostre consulenze che là fuori c’è un po’ di ignoranza su quello che comporta un franchising. I numeri, i fatturati e i potenziali di crescita non sono tutto o – come si direbbe con un’immagine che, anche in questo caso, è funzionale – sono solo la punta dell’iceberg.

 

Aprire un franchising: perché non dovresti ascoltare il tuo commercialista

Negli anni ci sono capitati diversi casi di questo tipo: il commercialista guarda i numeri e suggerisce il franchising, o ancora peggio lo fa qualche amico. 

Ti vogliamo dire una delle cose più importanti che potrai fare tua se ti è balenata l’idea di aprire un franchising: diffida di chi la fa troppo facile o di chi non ha la specializzazione per farlo e la conoscenza di questo mercato. 

Mai come nel settore dell’affiliazione commerciale è fondamentale capire che solo chi ha competenza ed esperienza in materia può dare supporto in questo campo. La maggior parte dei consulenti che non conoscono il settore ma ne vedono solo il luccichio, traducono il franchising in un semplice contratto e un altrettanto semplice manuale operativo. Se vi dicono che il franchising è solo questo, scappate

Aprire in franchising è molto di più, e quando hai il tuo bel business, che hai amato e costruito con cura, buttarti potrebbe ritorcertisi contro in maniera indelebile, portandoti a perdere anche quel bel business su cui avevi sudato sette camicie.

 

Come aprire un franchising in 7 punti

Dunque, come si apre un franchising? Proviamo a ipotizzare un percorso, sintetico, che dovresti seguire:

  1. Analizza i numeri della tua attività. Per aprire un franchising servono numeri solidi, un utile importante, che possa essere appetibile per gli investitori. Se lasci i conteggi al caso o non hai un analisi dei flussi ben strutturata, prima, costruiscila;
  2. Fai un’analisi della concorrenza e del mercato. Negli ultimi mesi ci hanno contattato almeno dieci potenziali franchisor con un’idea geniale in tasca, a loro avviso unica e mai vista. Sapete cos’è successo? Quando siamo andati a verificare se vi fossero franchising simili o attività in sviluppo, ne abbiamo trovati moltissimi, in due casi il mercato era già saturo (per dirla tutta, erano le ennesime hamburgherie gourmet);
  3. Valuta i costi di apertura di un franchising. Non vogliamo farti demordere per mancanza di euro nel portafoglio, ma aprire un franchising comporta un investimento importantissimo, specie in fase iniziale, per consulenze, documentazioni, progettazione, attività di tutela legale e commerciale.
  4. Non dimenticarti del marketing. Ci contattano spesso attività che hanno già scritto contratto e manuale operativo senza tenere conto della comunicazione e del piano di marketing. Tratteremo questo argomento in altri articoli, ma sappi che gli investimenti pubblicitari fanno parte del contratto: come fai ad averlo già scritto se non hai ancora fatto il piano di marketing per il franchising?
  5. Inizia a scrivere le procedure. Inizia a scrivere le procedure. Inizia a scrivere le procedure. Lo sappiamo, ma nemmeno scriverlo tre volte è sufficiente: ci è capitato di avere pronto il progetto di sviluppo e non essere ancora in grado di scrivere il manuale operativo. Senza quello, non è franchising. Si tratta della cosa più rognosa da redigere, ma se parti col segnare le procedure (tutte) sei già a buon punto.
  6. Sii pronto a investire in uno o più punti vendita. In fase iniziale, quando devi creare un franchising, avere un tuo punto vendita ti consente di renderlo la sede pilota e di sperimentare, tenendo le mani in pasta alla tua attività per continuare a farla crescere. In più, un imprenditore che investe nei suoi negozi, è decisamente più credibile. Ti fideresti ad aprire con chi non ha mai lavorato in quell’attività?
  7. Affidati a dei consulenti specializzati nel franchising. In Franchising Strategy ci siamo dotati di una rete di professionisti capaci e in grado di rispondere alle esigenze di chi vuole scalare il proprio business con il franchising. Sei nel nostro blog, ti dobbiamo  proporre la nostra consulenza, non credi? 

D’altro canto, la nostra franchisolophy, ovvero la visione etica che abbiamo del franchising, ci porta a credere che ovunque andrai, se troverai una struttura che conosce questo mercato e ne capisce la legge e i presupposti, farai comunque del bene al settore.

 

Aprire un franchising. Lo faccio o no?

A noi piace credere che il franchising, anche grazie al digitale, stia vivendo una nuova fortuna

Ci piace anche pensare che ci siano, là fuori, tantissime belle imprese che meriterebbero di espandersi, perché i loro prodotti e i loro know how farebbero bene al mercato. 

Ci piace, inoltre, vedere come siano cresciute le persone, gli imprenditori e chiunque abbia investito nel franchising buono, perché la rete che si crea in un sistema in franchising è un supporto fantastico tra imprenditori, un sistema di scambio, un valore aggiunto che la solitudine della gran parte degli imprenditori non vive. 

Aprire un franchising richiede energie, consapevolezza e tenacia. I primi anni sono duri, in salita. Sviluppare la rete, agli inizi, è uno sforzo enorme. Questo sforzo, d’altro canto, lo abbiamo visto ripagato in tutti i franchising “buoni” che abbiamo trovato sul nostro cammino, quelli che:

  • Hanno scelto piani di azione chiari;
  • Hanno analizzano bene i numeri;
  • Coinvolgono gli affiliati;
  • Si mettono ogni volta in discussione.

Fare Franchising è una sorta di attivismo: il franchisor crea imprenditori nuovi, può portare enormi cambiamenti economici in un singolo ma anche nel territorio. È una responsabilità, bellissima.

 

Consulenza per aprire un franchising

Se vuoi raccontarci il tuo progetto di franchising, anche se ce l’hai in testa perché il tuo commercialista te lo ha suggerito o ti ha incuriosito un amico, siamo qui. Contattaci e valuteremo come supportarti per capire il percorso più idoneo alla tua scalabilità – anche – se lo riterrai, in un franchising.

Durante la scrittura di questo articolo, ci siamo resi conto che l’argomento è molto più ampio. Perciò non perderti il prossimo articolo che, nelle prossime settimane, approfondirà i vantaggi di aprire un franchising

Hai trovato questo articolo sul Franchising interessante?
Scopri tutte le attività che possiamo svolgere per il tuo business!

COSA FACCIAMO

Hai trovato questo articolo
sul Franchising interessante?

Scopri tutte le attività che possiamo
svolgere per il tuo business!

COSA FACCIAMO

Condividi l'Articolo

recenti